#pilloleinfernali: ep.7 – QUI NON SI FA CREDITO A NESSUNO

avari e prodighi

Conoscere il passato per aggiustare il presente e vivere il futuro. L’inferno di Dante raccontato a “pillole” ha questo obiettivo: una presa di coscienza di ciò che si è. Ci immergiamo passo dopo passo nella cantica forse più dinamica e accattivante di tutta la Divina Commedia. E lo facciamo a modo nostro. Con ironia, passione e…vignette!  

NEGLI EPISODI PRECEDENTI: Dante e Virgilio entrano all’inferno e incontrano gli ignavi, coloro che in vita non seppero e non vollero prendere alcuna decisione. Questi sono i primi a subire la legge del contrappasso, costretti a inseguire perennemente una sorta di bandiera e ad essere punti da vespe e mosconi; successivamente i due arrivano alla riva del fiume Acheronte, dove una schiera di anime dannate aspetta impazientemente Caronte, il traghettatore ufficiale. Arrivato sull’altra sponda del fiume, il poeta fiorentino si accorge di essere nel limbo, luogo di spiriti magni che sperano eternamente, ma invano, di conoscere Dio: tra queste anime è ubicato anche Virgilio. Dopo qualche chiacchiera con i grandi oratori e poeti del passato, i due proseguono il viaggio scendendo nel secondo cerchio, dove incontrano i primi veri peccatori: i lussuriosi. Quest’ultimi, travolti continuamente da un’incessante bufera, subiscono il contrappasso per analogia. Dante si concentra su due figure in particolare, Paolo e Francesca, due giovani vittime di un amore illegittimo e al centro dei fatti di cronaca del Duecento. Successivamente si arriva nel terzo cerchio custodito dal cane a tre teste Cerbero: qui vi sono i golosi immersi in un fango puzzolente che viene alimentato da grandine e neve sporca. Sono costretti ad ingerire continuamente ciò che scende dal cielo infernale senza mai sentirsi sazi. Dante ha una sorta di colloquio con Ciacco, concittadino dannato, che gli predice l’esilio spiegando i motivi profondi del dissidi tra fiorentini. Si arriva, infine, alle soglie del quarto cerchio custodito dal demone Plutone.

“Pape Satàn, pape Satàn aleppe! Pape Satàn, pape Satàn aleppe!” Sembra uno scioglilingua o una filastrocca che insegnano ai bambini delle elementari. In realtà è ciò che ascoltano Dante e Virgilio quando  scendono nel quarto cerchio dell’inferno: queste parole sono pronunciate da Pluto (o Plutone), demone custode del cerchio in questione e in vita dio delle ricchezze. Secondo voi, che ormai avete una certa esperienza in dinamiche simili, cosa può mai fare un custode infernale ogni qual volta vede arrivare facce non note? Si arrabbia, ovviamente. “Pape Satàn aleppe”, comunque, vuol dire letteralmente “o Satana, o Satana mio signore!”, e si configura quindi come un’invocazione al padrone della struttura. “Taci, lupo maledetto, e che la tua rabbia possa consumarti!”, urla Viriglio mentre invita Dante a proseguire. Superato il primo ostacolo i due percorrono una sorta di discesa che porta nel pieno della disperazione, il luogo dove avari e prodighi, in senso opposto, sono continuamente costretti a spingere col petto macigni pesantissimi. Siccome il percorso è già segnato e prevede nella sua conclusione uno scontro frontale, i rappresentanti di entrambe le fazioni si ritrovano uno di fronte all’altro senza resistere alla tentazione di offendersi. I prodighi urlano: “Tirchi braccini corti maledetti, ma che cosa avete da trattenere?” Gli avari replicano: “Scellerati che non siete altro, voi cosa avete da sperperare?”

Pape Satàn, pape Satàn aleppe!“,
cominciò Pluto con la voce chioccia;
e quel savio gentil, che tutto seppe, 3

disse per confortarmi: “Non ti noccia
la tua paura; ché, poder ch’elli abbia,
non ci torrà lo scender questa roccia”. 6

Poi si rivolse a quella ’nfiata labbia,
e disse: “Taci, maladetto lupo!
consuma dentro te con la tua rabbia. 9

Non è sanza cagion l’andare al cupo:
vuolsi ne l’alto, là dove Michele
fé la vendetta del superbo strupo”. 12

Quali dal vento le gonfiate vele
caggiono avvolte, poi che l’alber fiacca,
tal cadde a terra la fiera crudele. 15

Così scendemmo ne la quarta lacca,
pigliando più de la dolente ripa
che ’l mal de l’universo tutto insacca. 18

Ahi giustizia di Dio! tante chi stipa
nove travaglie e pene quant’io viddi?
e perché nostra colpa sì ne scipa? 21

Come fa l’onda là sovra Cariddi,
che si frange con quella in cui s’intoppa,
così convien che qui la gente riddi. 24

Qui vid’i’ gente più ch’altrove troppa,
e d’una parte e d’altra, con grand’urli,
voltando pesi per forza di poppa. 27

Percotëansi ’ncontro; e poscia pur lì
si rivolgea ciascun, voltando a retro,
gridando: “Perché tieni?” e “Perché burli?”. 30

Sicuramente viene da chiedersi: perché Dante mette insieme avari e prodighi? E cioè mette sullo stesso piano chi trattiene avidamente il denaro e chi lo sperpera senza mezze misure? La risposta viene affidata a Viriglio nei vv.40-42. Interrogato, infatti, dal suo allievo su chi siano quelle anime che si ritrovano davanti, il poeta latino risponde che “furono guerci, e cioè metaforicamente strabici, a tal punto che durante la vita terrena non furono in grado di vedere le cose in modo giusto e di spendere i soldi in maniera misurata”. Ecco il nocciolo della questione: chi sperpera non è così diverso da chi trattiene avidamente. La mezza misura, l’equilibrio, è una virtù fondamentale in ogni ambito. Queste anime dannate sono costrette a spingere macigni che rappresentano il denaro, e cioè un peso e un ostacolo sul cammino che non porterà mai a una soddisfazione definitiva, in quanto chi più ha più vuole avere e chi meno ha meno vuole avere. Nonostante siano irriconoscibili a causa delle colpe che li ha imbruttiti, Dante riesce a scorgere tra loro quelli con la tonsura, cioè quelli con la rasatura a forma di disco in mezzo alla testa, simbolo dell’uomo di chiesa medievale. C’è anche qui un nuovo attacco velato (ma non troppo) alla classe clericale del suo tempo, rea di aver perduto la retta via.   

Così tornavan per lo cerchio tetro
da ogne mano a l’opposito punto,
gridandosi anche loro ontoso metro; 33

poi si volgea ciascun, quand’era giunto,
per lo suo mezzo cerchio a l’altra giostra.
E io, ch’avea lo cor quasi compunto, 36

dissi: “Maestro mio, or mi dimostra
che gente è questa, e se tutti fuor cherci
questi chercuti a la sinistra nostra”. 39

Ed elli a me: “Tutti quanti fuor guerci
sì de la mente in la vita primaia,
che con misura nullo spendio ferci. 42

Assai la voce lor chiaro l’abbaia,
quando vegnono a’ due punti del cerchio
dove colpa contraria li dispaia. 45

Questi fuor cherci, che non han coperchio
piloso al capo, e papi e cardinali,
in cui usa avarizia il suo soperchio”. 48

E io: “Maestro, tra questi cotali
dovre’ io ben riconoscere alcuni
che furo immondi di cotesti mali”. 51

Ed elli a me: “Vano pensiero aduni:
la sconoscente vita che i fé sozzi,
ad ogne conoscenza or li fa bruni. 54

In etterno verranno a li due cozzi:
questi resurgeranno del sepulcro
col pugno chiuso, e questi coi crin mozzi. 57

Mal dare e mal tener lo mondo pulcro
ha tolto loro, e posti a questa zuffa:
qual ella sia, parole non ci appulcro. 60

Or puoi, figliuol, veder la corta buffa
d’i ben che son commessi a la fortuna,
per che l’umana gente si rabuffa; 63

ché tutto l’oro ch’è sotto la luna
e che già fu, di quest’anime stanche
non poterebbe farne posare una”. 66

“Maestro, dimmi un’altra cosa: ma se questi uomini vengono puniti per aver trattenuto e sperperato allo stesso modo, quale dovrebbe essere la cosa giusta? C’è qualche legge divina o qualche strada da seguire per non cadere in simili errori?”, chiede umilmente Dante. E Virgilio, mezzo incazzato: “Certo che c’è, uomo di poca fede! Le sorti alterne di ogni individuo dipendono da un piano già prestabilito da Dio, che alcuni uomini del tuo tempo chiamano Fortuna. Si tratta di una sorta di intelligenza angelica che è preposta al destino di ognuno di noi: il suo disegno è incontrastabile. Per questo motivo, figlio mio, non bisogna avere la presunzione o l’ambizione di controllare ogni cosa attraverso la gestione dei beni materiali. Tutto il sapere di noi uomini non potrà mai competere con la Fortuna divina!”

Il tema della Fortuna era molto discusso nel medioevo. E, a tal proposito, Franco Nembrini scrive: […] la Fortuna è dunque una ministra di Dio e si muove secondo un principio e delle ragioni che agli umani sfuggono. Qual è la sua funzione? Educarci. Dare e togliere continuamente i beni dimostra che essi sono appunto concessi in modo alterno, e quindi non soddisfano. Se vogliamo andare fino in fondo, la Fortuna è uno strumento di Dio per mostrarci che la via non è nostra. Il cambiamento repentino delle cose dimostra che il mondo si sviluppa secondo il disegno di Dio e non secondo il nostro. In conclusione, Dante non elimina l’idea pagana della Fortuna ma nella sua visione cristiana essa non è una dea bendata, come era stata concepita dagli antichi; bensì è una fortuna che ci vede benissimo, che vede meglio di noi.

Maestro mio”, diss’io, “or mi dì anche:
questa fortuna di che tu mi tocche,
che è, che i ben del mondo ha sì tra branche?”. 69

E quelli a me: “Oh creature sciocche,
quanta ignoranza è quella che v’offende!
Or vo’ che tu mia sentenza ne ’mbocche. 72

Colui lo cui saver tutto trascende,
fece li cieli e diè lor chi conduce
sì, ch’ogne parte ad ogne parte splende, 75

distribuendo igualmente la luce.
Similemente a li splendor mondani
ordinò general ministra e duce 78

che permutasse a tempo li ben vani
di gente in gente e d’uno in altro sangue,
oltre la difension d’i senni umani; 81

per ch’una gente impera e l’altra langue,
seguendo lo giudicio di costei,
che è occulto come in erba l’angue. 84

Vostro saver non ha contasto a lei:
questa provede, giudica, e persegue
suo regno come il loro li altri dèi. 87

Le sue permutazion non hanno triegue:
necessità la fa esser veloce;
sì spesso vien chi vicenda consegue. 90

Quest’è colei ch’è tanto posta in croce
pur da color che le dovrien dar lode,
dandole biasmo a torto e mala voce; 93

ma ella s’è beata e ciò non ode:
con l’altre prime creature lieta
volve sua spera e beata si gode. 96

Per la prima volta Dante scende nel cerchio successivo all’interno dello stesso canto. I due, infatti, si avviano verso il cerchio sulla sponda opposta, il quinto, sopra una sorgente che ribolle. Giunti al fondo del “ruscello triste” si ritrovano davanti alla palude detta Stige, nella quale è immersa gente coperta di fango, completamente nuda e con l’aria tormentata. Questi si strappano la carne a morsi a vicenda, uno spettacolo nauseabondo anche per chi non è vegano. Ad ogni turbamento di quel cucciolino di Dante, Virgilio interviene come il cacio sui maccheroni: “Figliolo, questi che vedi sono gli iracondi, quelli che in vita stavano sempre incazzati. E sappi che non sono soli, sott’acqua ce ne sono tantissimi altri; tra di loro echeggiano anche gli accidiosi, mezzi eretici, che si disperano continuamente.” Il canto si conclude con i nostri protagonisti che oscillano tra la parte bagnata e la parte asciutta della palude, mentre continuano a guardare con sgomento quelle anime inghiottite dal fango. Poi, improvvisamente, si ritrovano ai piedi di una torre: parleremo delle sorprese che riserverà lo Sitge nel prossimo episodio.

Or discendiamo omai a maggior pieta;
già ogne stella cade che saliva
quand’io mi mossi, e ’l troppo star si vieta”. 99

Noi ricidemmo il cerchio a l’altra riva
sovr’una fonte che bolle e riversa
per un fossato che da lei deriva. 102

L’acqua era buia assai più che persa;
e noi, in compagnia de l’onde bige,
intrammo giù per una via diversa. 105

In la palude va c’ ha nome Stige
questo tristo ruscel, quand’è disceso
al piè de le maligne piagge grige. 108

E io, che di mirare stava inteso,
vidi genti fangose in quel pantano,
ignude tutte, con sembiante offeso. 111

Queste si percotean non pur con mano,
ma con la testa e col petto e coi piedi,
troncandosi co’ denti a brano a brano. 114

Lo buon maestro disse: “Figlio, or vedi
l’anime di color cui vinse l’ira;
e anche vo’ che tu per certo credi 117

che sotto l’acqua è gente che sospira,
e fanno pullular quest’acqua al summo,
come l’occhio ti dice, u’ che s’aggira. 120

Fitti nel limo dicon: “Tristi fummo
ne l’aere dolce che dal sol s’allegra,
portando dentro accidïoso fummo: 123

or ci attristiam ne la belletta negra”.
Quest’inno si gorgoglian ne la strozza,
ché dir nol posson con parola integra”. 126

Così girammo de la lorda pozza
grand’arco, tra la ripa secca e ’l mézzo,
con li occhi vòlti a chi del fango ingozza. 129

Venimmo al piè d’una torre al da sezzo.

 

Ci vediamo lunedì 29 aprile con l’episodio numero 8: “Argenti vive”.

Si ringrazia Carmen Ammendola per le illustrazioni.

 

 

 

#pilloleinfernali: Ep.2 – DAMMI SOLO UN MINUTO

dammi solo un minuto

Conoscere il passato per aggiustare il presente e vivere il futuro. L’inferno di Dante raccontato a “pillole” ha questo obiettivo: una presa di coscienza di ciò che si è. Ci immergiamo passo dopo passo nella cantica forse più dinamica e accattivante di tutta la Divina Commedia. E lo facciamo a modo nostro. Con ironia, passione e…vignette!  

NELL’EPISODIO PRECEDENTE: Dante si perde, a trentacinque anni, in un bosco oscuro e tenebroso da cui cerca immediatamente una via di fuga; dopo qualche passo traballante vede un piccolo colle illuminato dai raggi solari, verso il quale si dirige speranzoso. Tuttavia il cammino viene barrato dalla presenza di tre bestie (un ghepardo, un leone e una lupa) che respingono il poeta fiorentino nelle tenebre. Dante però scorge una sagoma, alla quale chiede disperatamente aiuto: si tratta del poeta latino Virgilio. Quest’ultimo gli predice il compimento di un viaggio verso la salvezza che dovrà necessariamente passare attraverso i tre regni dell’aldilà; aggiunge inoltre che lo accompagnerà sia all’inferno che al purgatorio, mentre per il paradiso lo attenderà una guida “più degna”. I due si incamminano.  

Allor si mosse, e io li tenni dietro. Li avevamo lasciati così. Il maestro che fa strada e l’allievo che lo segue, in silenzio. Tutto fa presagire che da qui a poco saranno al cospetto della porta infernale, pronti ad intraprendere il viaggio preannunciato. Ma c’è un attimo di esitazione. Questo episodio, il canto secondo, è l’episodio del dubbio. Immaginate Dante camminare dietro Virgilio con passo lento ed insicuro, tipico di chi pensa “cioè, ma sta capitando proprio a me?” Probabilmente, se avesse avuto con se uno smartphone, un abbonamento a Spotify e un paio di cuffiette il nostro poeta dal naso pronunciato avrebbe sicuramente riprodotto, per sentirsi compreso delle sue paure, la canzone dei Gemelli Diversi “Un attimo ancora”, soffermandosi nello specifico sul ritornello Dammi solo un minuto, un sorso di fiato, un attimo ancora! Infatti, dopo essersi rivolto alle Muse affinché lo aiutino a narrare per bene gli avvenimenti (qui Dante fa un po’ il copione: l’invocazione alla Musa era tipica del mondo classico) richiama l’attenzione di Virgilio dicendogli: “Maestro scusami un attimo, avrei delle riflessioni da fare prima di proseguire; non vorrei sembrare scocciante o blasfemo, però mi chiedevo…ma io chi sono per venire, da vivo, nel regno dell’aldilà? Chi è colui che mi vuole lì? Perché ti ricordo, semmai lo avessi dimenticato, che soltanto due uomini prima di me hanno visitato, in vita, il mondo ultraterreno: Enea e San Paolo. Il primo fu sicuramente scelto in quanto fondatore dell’eterna città di Roma; il secondo venne designato da Dio per ricevere sostegno e conferma di quella fede che avrebbe poi diffuso attraverso la sua parola. Per questo motivo, con tutto il rispetto eh… sto seriamente pensando che seguirti sarebbe una follia. Ma tu mi capisci, sicuramente mi capisci! Con quel capoccione che ti ritrovi, senza offesa, avrai per certo compreso le mie perplessità!” A questo punto Virgilio, negativamente sorpreso e – perché no – anche un po’ incazzato, si volta verso Dante pronto a replicare.

Lo giorno se n’andava, e l’aere bruno
toglieva li animai che sono in terra
da le fatiche loro; e io sol uno 3

m’apparecchiava a sostener la guerra
sì del cammino e sì de la pietate,
che ritrarrà la mente che non erra. 6

O muse, o alto ingegno, or m’aiutate;
o mente che scrivesti ciò ch’io vidi,
qui si parrà la tua nobilitate. 9

Io cominciai: “Poeta che mi guidi,
guarda la mia virtù s’ell’è possente,
prima ch’a l’alto passo tu mi fidi. 12

Tu dici che di Silvïo il parente,
corruttibile ancora, ad immortale
secolo andò, e fu sensibilmente. 15

Però, se l’avversario d’ogne male
cortese i fu, pensando l’alto effetto
ch’uscir dovea di lui, e ’l chi e ’l quale 18

non pare indegno ad omo d’intelletto;
ch’e’ fu de l’alma Roma e di suo impero
ne l’empireo ciel per padre eletto: 21

la quale e ’l quale, a voler dir lo vero,
fu stabilita per lo loco santo
u’ siede il successor del maggior Piero. 24

Per quest’andata onde li dai tu vanto,
intese cose che furon cagione
di sua vittoria e del papale ammanto. 27

Andovvi poi lo Vas d’elezïone,
per recarne conforto a quella fede
ch’è principio a la via di salvazione. 30

Ma io, perché venirvi? o chi ’l concede?
Io non Enëa, io non Paulo sono;
me degno a ciò né io né altri ’l crede. 33

Per che, se del venire io m’abbandono,
temo che la venuta non sia folle.
Se’ savio; intendi me’ ch’i’ non ragiono”. 36

E qual è quei che disvuol ciò che volle
e per novi pensier cangia proposta,
sì che dal cominciar tutto si tolle, 39

tal mi fec’ïo ’n quella oscura costa,
perché, pensando, consumai la ’mpresa
che fu nel cominciar cotanto tosta. 42

“Se ho ben capito quello che hai detto” – replica Virgilio – “ti stai comportando come un vigliacco, a tal punto da pensare di rinunciare a una simile impresa. Ma, affinché tu possa tranquillizzarti, ti spiegherò tutto per filo e per segno”. Come abbiamo già detto in precedenza, il poeta latino resta alquanto interdetto davanti all’atteggiamento di Dante. Non è da lui, infatti, sminuire in questo modo l’intelletto umano. Franco Nembrini, nostro principale punto di riferimento nella lettura e interpretazione dell’Opera (e che quindi sentirete richiamato spesso), ci parla nella fattispecie di un “Dante presuntuoso e falso umile”. Ci va giù pesante, ma non è un’accusa fine a se stessa. Piuttosto si tratta di riconoscere in colui che si è elevato sopra tutti gli uomini, grazie alla sua scoperta, dei limiti imprescindibili e identificanti la natura di tutti noi. Egli infatti scrive: Quante volte noi, presuntuosi come Dante, quando davvero la scelta si fa difficile, quando davvero dobbiamo rischiare, ci nascondiamo dietro a un “non sono capace” oppure “non fa per me”. Anche davanti all’attrattiva che la vita offre si può avere paura; perché il nuovo, l’altro viaggio, incutono timore. Ma questa non è umiltà, è viltà. La vera umiltà non significa denigrarsi ma avere stima di sé per ciò che Dio compie attraverso noi. Capirete che riportare queste parole è fondamentale, perché racchiudono il pensiero di Virgilio stesso, il quale non si lascia ingannare da chi, vilmente e quindi con scuse che rasentano il ridicolo, cerca di scampare al proprio destino. “Stavo tutto tranquillo nel mio limbo tra le anime sospese” – riprende Virgilio – quando mi sono sentito chiamare da una donna bellissima, talmente bella e dolce nei modi che subito mi sono messo al suo servizio; questa donna porta il nome di Beatrice ed è preoccupata per te, per la condizione in cui sei sprofondato. Ti ama e perciò mi ha raccomandato di giungere in soccorso nel bosco tenebroso e di aiutarti. Sinceramente caro Dante, quando ho visto quella figura così angelica in un posto brutto e sporco come quello in cui mi trovavo, non ho potuto fare a meno di chiederle come avesse fatto a non temere di arrivarci, dato che proveniva dalla beatitudine del paradiso. La sua risposta è stata decisa: si teme solo ciò che può fare del male. Essendo creatura ed espressione di Dio e della sua grazia, la miseria e le fiamme infernali non la toccavano minimamente. Ma ti dirò di più. Mi ha detto anche che è stata la Madonna in persona a volere il tuo viaggio, tanto che la stessa ha chiesto a santa Lucia di dire a Beatrice ciò che Beatrice ha detto a me! Questa è la verità, questo è ciò che è accaduto ed è per questo che sono venuto a salvarti nel bosco. Io sono soltanto l’ultimo anello di un ingranaggio perfetto che ti vuole testimone della salvezza umana. E ora che sai tutto questo, perché ancora resti fermo? Perché non realizzi consapevolmente che simili donne hanno chiesto di te…e che le mie parole promettono soltanto del bene?”

S’i’ ho ben la parola tua intesa”,
rispuose del magnanimo quell’ombra,
“l’anima tua è da viltade offesa; 45

la qual molte fïate l’omo ingombra
sì che d’onrata impresa lo rivolve,
come falso veder bestia quand’ombra. 48

Da questa tema acciò che tu ti solve,
dirotti perch’io venni e quel ch’io ’ntesi
nel primo punto che di te mi dolve. 51

Io era tra color che son sospesi,
e donna mi chiamò beata e bella,
tal che di comandare io la richiesi. 54

Lucevan li occhi suoi più che la stella;
e cominciommi a dir soave e piana,
con angelica voce, in sua favella: 57

“O anima cortese mantoana,
di cui la fama ancor nel mondo dura,
e durerà quanto ’l mondo lontana, 60

l’amico mio, e non de la ventura,
ne la diserta piaggia è impedito
sì nel cammin, che vòlt’è per paura; 63

e temo che non sia già sì smarrito,
ch’io mi sia tardi al soccorso levata,
per quel ch’i’ ho di lui nel cielo udito. 66

Or movi, e con la tua parola ornata
e con ciò c’ ha mestieri al suo campare,
l’aiuta sì ch’i’ ne sia consolata. 69

I’ son Beatrice che ti faccio andare;
vegno del loco ove tornar disio;
amor mi mosse, che mi fa parlare. 72

Quando sarò dinanzi al segnor mio,
di te mi loderò sovente a lui”.
Tacette allora, e poi comincia’ io: 75

“O donna di virtù sola per cui
l’umana spezie eccede ogne contento
di quel ciel c’ ha minor li cerchi sui, 78

tanto m’aggrada il tuo comandamento,
che l’ubidir, se già fosse, m’è tardi;
più non t’è uo’ ch’aprirmi il tuo talento. 81

Ma dimmi la cagion che non ti guardi
de lo scender qua giuso in questo centro
de l’ampio loco ove tornar tu ardi”. 84

“Da che tu vuo’ saver cotanto a dentro,
dirotti brievemente”, mi rispuose,
“perch’i’ non temo di venir qua entro. 87

Temer si dee di sole quelle cose
c’ hanno potenza di fare altrui male;
de l’altre no, ché non son paurose. 90

I’ son fatta da Dio, sua mercé, tale,
che la vostra miseria non mi tange,
né fiamma d’esto ’ncendio non m’assale. 93

Donna è gentil nel ciel che si compiange
di questo ‘mpedimento ov’io ti mando,
sì che duro giudicio là sù frange. 96

Questa chiese Lucia in suo dimando
e disse: – Or ha bisogno il tuo fedele
di te, e io a te lo raccomando -. 99

Lucia, nimica di ciascun crudele,
si mosse, e venne al loco dov’i’ era,
che mi sedea con l’antica Rachele. 102

Disse: – Beatrice, loda di Dio vera,
ché non soccorri quei che t’amò tanto,
ch’uscì per te de la volgare schiera? 105

Non odi tu la pieta del suo pianto,
non vedi tu la morte che ’l combatte
su la fiumana ove ’l mar non ha vanto? -. 108

Al mondo non fur mai persone ratte
a far lor pro o a fuggir lor danno,
com’io, dopo cotai parole fatte, 111

venni qua giù del mio beato scanno,
fidandomi del tuo parlare onesto,
ch’onora te e quei ch’udito l’ hanno”. 114

Poscia che m’ebbe ragionato questo,
li occhi lucenti lagrimando volse,
per che mi fece del venir più presto. 117

E venni a te così com’ella volse:
d’inanzi a quella fiera ti levai
che del bel monte il corto andar ti tolse. 120

Dunque: che è perché, perché restai,
perché tanta viltà nel core allette,
perché ardire e franchezza non hai, 123

poscia che tai tre donne benedette
curan di te ne la corte del cielo,
e ’l mio parlar tanto ben ti promette?”. 126

Adesso non ci sono più dubbi: la missione di Dante è voluta dalla volontà divina. Così il nostro protagonista, che per l’occasione utilizza un’altra metafora bellissima, si schiude e mostra coraggio. Il dubbio è solo un lontano ricordo che fa spazio a un irrefrenabile desiderio di scoprire l’ignoto. I due si rimettono in cammino e, stavolta, il viaggio inizia sul serio.

Quali fioretti dal notturno gelo
chinati e chiusi, poi che ’l sol li ’mbianca,
si drizzan tutti aperti in loro stelo, 129

tal mi fec’io di mia virtude stanca,
e tanto buono ardire al cor mi corse,
ch’i’ cominciai come persona franca: 132

“Oh pietosa colei che mi soccorse!
e te cortese ch’ubidisti tosto
a le vere parole che ti porse! 135

Tu m’ hai con disiderio il cor disposto
sì al venir con le parole tue,
ch’i’ son tornato nel primo proposto. 138

Or va, ch’un sol volere è d’ambedue:
tu duca, tu segnore e tu maestro”.
Così li dissi; e poi che mosso fue, 141

intrai per lo cammino alto e silvestro.

 

 

Ci vediamo lunedì 18 marzo con l’episodio numero 3: “Lasciate ogni speranza voi ch’intrate”.

Si ringrazia Carmen Ammendola per le illustrazioni.